L’Ucraina vittima due volte. Tutti i nazisti al servizio di Zelensky (Vladimir Volcic)

Grazie al quotidiano ucraino Kyiv Indenpendent é stata chiarita senza ombre di dubbio la presenza di Foreign Fighters occidentali organizzati in un battaglione sotto il comando di ufficiali dell’esercito e delle milizie naziste : la Legione Internazionale. Siamo anche venuti a conoscenza dei crimini di guerra contro i civili da loro compiuti. Crimini che rafforzano la veridicità del recente rapporto di Amnesty International osteggiato dai governi ucraino e britannico e fortemente criticato (per aver detto la verità) dai media occidentali.

Ora vediamo nel dettaglio i jihadisti occidentali organizzati in vere e proprie milizie paramilitari di stampo neonazista o contrattate dagli Stati membro NATO che non possono inviare direttamente i loro soldati per non far scoppiare una guerra mondiale. Le fonti principali sono: la Rete Antifascista Europea ed indagini di giornalisti occidentali indipendenti.

Georgia (statuto speciale con la UE dal luglio 2016 in attesa di diventare membro dell’Unione. Statuto rilasciato al paese pur non avendo i requisiti minimi, in chiave anti Russia) La Georgia sta attualmente lavorando per diventare un membro a pieno titolo della NATO. Nell’agosto 2004, il Piano d’azione di partenariato individuale della Georgia fu presentato alla NATO. Per questi motivi non ha potuto rifiutare la richiesta americana di inviare milizie paramilitari a combattere per i nazisti ucraini. L’impegno di queste milizie risale al 2014 – 2015

La Legione Nazionale Georgiana

La Georgian National Legion è stata fondata nel 2014 da volontari per lo più etnico-georgiani che combattono dalla parte dell’Ucraina (i georgiani vedono la partecipazione alla guerra come una vendetta per la guerra russo-georgiana nel 2008). La Legione nazionale georgiana è stata ufficialmente integrata nel 25° battaglione di fanteria meccanizzata Kyiv Rus delle forze armate ucraine nel 2016. L’unità ora conta fino a 700 combattenti, il 20% dei quali sono stranieri non georgiani.

Di fatto la legione non é supportata dal popolo georgiano che aspira alla pace pur continuando a nutrire sentimenti di diffidenza verso la Russia a causa della guerra. E’ uno stratagemma concordato tra il governo georgiano e gli Stati Uniti per inviare mercenari ed ex marine americani sotto copertura georgiana a combattere nel Donbas i separatisti russi al fianco delle milizie naziste ucraine.

Il governo americano arruola attraverso la Legione Nazionale Georgiana anche volontari provenienti dall’universo nazista americano come i Boogaloo Bois, un movimento nazista americano che più volte a cercato di creare condizioni ideali per far scoppiare la guerra civile negli Stati Uniti, lanciando appelli a una rivolta armata contro lo Stato federale. Dal 2015 al 2021 i Boogaloo Bois si arruolavano nella Legione Nazionale Georgiana a titolo personale per combattere i «rossi », ma sopratutto per acquisire esperienza militare di combattimento che sarebbe stata utile una volta ritornati in patria. Allo scoppio del conflitto ucraino il governo americano ha raggiunto un accordo non ufficiale con i Boogaloo Bois che prevede il loro impiego in Ucraina sotto lauti compensi in cambio di desistere dalle attività eversive in Patria. Tutti i mercenari americani ricevono una carta d’identità ucraina.

A capo della Legione vi é il criminale di guerra georgiano Mamuka Mamulashvili accusato di aver ucciso prigionieri di guerra russi durante il conflitto russo-georgiano. Mamuka ha replicato la tradizione di uccidere i prigionieri russi il 30 marzo scorso vicino a Kiev quanto ha dato ordine ai legionari georgiani di uccidere a sangue freddo una decina di soldati russi caduti in un’imboscata e catturati durante il ritiro delle truppe russe dall’aerea circostante la capitale ucraina.

Il crimine di guerra é stato immortalato da un video che é stato pubblicato dallo stesso Mamulashvili sui social, diventando virale per poi negare il tutto quando la Russia ha utilizzato il video come prova e sono arrivate critiche (confidenziali) dai suoi donatori : NATO e Stati Uniti. La Legione Nazionale Ucraina avrebbe subito pesanti perdite tra giugno e luglio costringendo la Casa Bianca ha siglare un secondo accordo con il governo georgiano che prevede il sostegno finanziario ad un’altra milizia paramilitare : Qartuli Dzala (Potere Georgiano) affinché rafforzi i ranghi decimati dei legionari georgiani nel Donbas. A differenza della legione Qatuli Dzala é composta da soli georgiani aderenti al nazismo.

Polonia. Stato membro NATO dal 1999. Stato membro della UE dal 2004

Il governo polacco, supportato finanziariamente da Stati Uniti e Unione Europea é particolarmente attivo nel sostenere suoi miliziani che combattono in Ucraina. La Polonia ha due milizie paramilitari attive nel Donbas: Il battaglione Kastus Kalinovshky di stampo nazista e il Battaglione Revanche di stampo fascista.

Il battaglione Kastus Kalinovsky

Konstanty (Kastus) Kalinovsky è stato uno dei leader della rinascita nazionale polacca, lituana e bielorussa nella seconda metà del XIX secolo. Kalinovsky è particolarmente venerato in Bielorussia, dove è visto come un’icona del nazionalismo bielorusso che ha combattuto contro l’Impero russo.

Il battaglione Kastus Kalinovsky è stato formato nel marzo 2022 da membri del cosiddetto gruppo tattico “Bielorussia”, membri dell’organizzazione neonazista bielorussa White Legion (Legione Bianca), rappresentanti del movimento Young Front (Fronte della Gioventù), nonché cittadini bielorussi emigrati in Ucraina dopo le proteste dell’estate e dell’autunno 2020. A metà marzo il battaglione comprendeva circa 200 persone. Secondo alcune fonti lo scorso giugno si é rafforzato grazie ad un’opera di reclutamento nazista in Polonia non ostacolato dalle autorità. Il numero attuale dei miliziani del battaglione è sconosciuto. Kastus Kalinovsky riceve fondi dal governo polacco, dalla NATO, Stati Uniti e dal ex presidente ucraino Petro Poroshenko.

Battaglione Revanche

Il battaglione Revanche (vendetta), comandato da Serhiy Brigadir, è stato formato all’inizio dell’invasione russa, composto da volontari nazionalisti ucraini di Kiev e Kharkiv, molti dei quali, incluso il comandante, sono membri del Partito conservatore dell’Ucraina. Questa è in realtà una fazione dell’ex organizzazione di estrema destra Tradition and Order, formata dai seguaci ucraini e polacchi del fascismo italiano. Il battaglione include anche fascisti della Repubblica Ceca e Polacchi. Il numero delle truppe nel battaglione è sconosciuto.

Canada Stato fondatore della NATO

Anche il Canada é particolarmente attivo avendo due milizie paramilitari in Ucraina : la Brigata canadese-ucraina composta da migranti ucraini e la Brigata Normanna composta da ex soldati regolari. Il governo canadese finanzia entrambe le milizie ma ufficialmente si é dissociato da esse. Per sostenere la tesi governative entrambe le milizie affermano di agire in modo indipendente raccogliendo online i fondi per i viaggi, l’equipaggiamento militare, la logistica, armi e munizioni.

La Brigata canadese-ucraina

Il Canada ha la più grande diaspora ucraina al di fuori della Russia. Ecco perché la Brigata canadese-ucraina è stata costituita all’inizio di marzo 2022 e conta già 550 membri. L’unità é di stanza a Kiev. Raramente é stata impiegata nel Donbas.

La Brigata Normanna

Questa è l’unità più riservata, composta da ex militari canadesi. Il numero delle truppe all’interno della Brigata è sconosciuto. La Brigata Normanna ha ricevuto attenzione in relazione alle notizie che circondano il cecchino noto come Wali. Ha servito in Afghanistan come parte del 22° reggimento della Royal Canadian Infantry a Kandahar. Il suo vero nome è sconosciuto. All’inizio di marzo ha rilasciato un’intervista, dopo di che i rapporti sulla sua morte nell’assedio di Mariupol hanno iniziato ad apparire sui social media russi. Successivamente si è messo in contatto con i giornalisti. Tale attenzione pubblica non ha soddisfatto i suoi compagni membri della brigata, che stavano cercando di essere “professionisti tranquilli”, né tanto meno il governo canadese timoroso che si scoprano i suoi stretti legami con i suoi veterani inviati in Ucraina. La Brigata Normanna é iper attiva nel Donbas.

Italia. Membro fondatore di NATO e Unione Europea

I mercenari italiani che stanno combattendo in Ucraina (alcuni al fianco dei russi) sono stimati a 60 persone secondo i servizi segreti italiani. La maggioranza di loro sono integrati individualmente all’interno delle Forze di Difesa Territoriale, la riserva ausiliare dell’esercito ucraino controllata dal Battaglione Azov e altre milizie naziste. Ci sarebbero anche una trentina di italiani che si professano aderenti al movimento razzista americano White Supremacist.

La maggioranza di loro hanno iniziato a combattere allo scoppio della guerra del Donbas nel 2015. Tra essi l’ex calciatore della nazionale italiana Ivan Luca Vavassori di 29 anni che ha combattuto dal 2018 al 2019 al fianco dei nazisti in Dombas prima di rientrare in Italia allo scoppio della guerra con la Russia. La carriera calcistica del Vavassori é stato interrotta dalla Federazione Calcistica per ovvi motivi.

Nasce spontaneo il dubbio di una organizzata operazione di cover up da parte dei servizi e dei media italiani per quanto riguarda la partecipazione della milizia paramilitare italiana creata dal movimento eversivo neo fascista Casa Pound, sostenitore di Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni. Casa Pound parteciperebbe dal 2015 ad oggi alle operazioni di guerra in modo strutturato e organizzato al fianco del Battaglione Azov e a Settore Destro. I mercenari neofascisti attuerebbero periodi di combattimento di circa un mese per poi rientrare in Italia sostituiti da nuove reclute. Il reclutamento passa da un centro ucraino a Londra gestito in collaborazione con i servizi segreti britannici e l’addestramento in Polonia a cura di istruttori polacchi e NATO.

Il via e vai dei mercenari neofascisti e l’impegno strutturato di CasaPound in Ucraina al servizio del regime di Kiev non ha mai trovato particolari impedimenti in patria fino alla notizia dello scorso 10 agosto della decisione presa dal sostituto procuratore Marco Zocco della Direzione distrettuale antimafia e antiterrorismo di indagare il 19nne Kevin Chiappalone accusato di essersi arruolato nella Brigata internazionale ucraina. Chiappalone afferma di essere un simpatizzante di CasaPound ma di essersi arruolato a livello indipendente ed individuale.

Il sostituto procuratore Zocco ha proceduto agli interrogatori di vari attivisti di CasaPound. Purtroppo non si sa l’esito degli interrogatori né se alcuni attivisti neo fascisti siano indagati o sotto sorveglianza. Il compito di Marco Zocco é estremamente complicato a causa della alleanza politica tra CasaPound e Fratelli d’Italia, resa possibile dalla « amicizia » tra il leader di estrema destra Giorgia Meloni e il Barone Nero, Roberto Jonghi Lavarini neofascista milanese sostenitore della razza bianca condannato a due anni per apologia del fascismo aggravata da odio razziale.

La leader del partito di estrema destra Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni oltre a CasaPound ha l’appoggio della intera galassia neofascista ed eversiva : Movimento Nazionale, Rete dei Patrioti e Forza Nuova che dal 2015 invia vari mercenari a combattere al fianco dei separatisti ucraini e ora dei soldati russi e ceceni. Nel 2016 giornalisti indipendenti occidentali riportarono sanguinosi scontri avvenuti nel Donbas di mercenari di Forza Nuova contro i mercenari di CasaPound.

Milizie naziste e islamiche dalla Russia, Cecenia e Crimea finanziate da NATO e Stati Uniti

La Legione della Libertà di Russia

Il 5 aprile è stata annunciata la formazione della Legione della Libertà di Russia, formata da prigionieri di guerra russi che hanno disertato dalla parte ucraina. “Noi, i combattenti della Legione, non stiamo combattendo contro i soldati russi, stiamo combattendo per una Russia libera. Il nostro obiettivo è distruggere Putin e il suo regime”, hanno detto i disertori in video.

L’unità utilizza una bandiera bianca, blu e bianca come gallone, che viene utilizzata dagli attivisti contro la guerra dalla Russia come simbolo di protesta. Si sostiene che ci siano almeno 300 uomini nella Legione. Non ci sono dati sulla partecipazione dell’estrema destra a questa unità che é particolarmente attiva nel Donbas.

I battaglioni islamici Dzhokhar Dudayev e Sheikh Mansur – Cecenia.

Queste formazioni armate di terroristi islamici sono utilizzate in Ucraina dalla NATO e Stati Uniti dal 2014 al fianco delle forze governative e sono composte principalmente da ceceni emigrati dalla Russia dopo la seconda guerra cecena e fanatici del Islam. Odiati dalla propria popolazione in Cecenia, reclutano dalla diaspora cecene dell’Europa.

Il battaglione Dzhokhar Dudayev è guidato da Adam Osmayev, mentre il comandante del battaglione Sheikh Mansur si chiama Musulmano Cheberloevsky. Il numero di truppe nell’unità non è noto. Combattono nel Dombas e vengono usati contro i loro patrioti dell’esercito regolare ceceno che affianca i separatisti ucraini e l’esercito russo.

Il battaglione Islamico di Crimea

Questa unità islamica estremista è stata costituita nel 2014, originariamente composta da otto tartari di Crimea. Erano guidati da Isa Akayev, partito per l’Ucraina continentale subito dopo gli eventi del 2014. Secondo alcuni rapporti, Ivan Selentsov (noto anche come Valid Abu Yusuf), originario del Oblast di Kherson e membro del movimento salafista Anche True Religion, bandita in Germania, ha partecipato alla creazione del Battaglione. Nelle sue dichiarazioni Akayev ha usato la retorica tipica degli islamisti radicali. Il fatto che abbia parlato positivamente dell’organizzazione terroristica Al-Qaeda, Osama bin Laden e dei terroristi ceceni Shamil Basayev e Movsar Barayev non ha impedito di ricevere sostegno finanziario e armi dalla NATO e Stati Uniti per combattere i separatisti ucraini nella guerra del Donbas (2014 ai giorni nostri).

Fin dall’inizio delle operazioni militari il battaglione di Crimea fu assegnato al battaglione di volontari Dnepr-1 creato dall’allora capo del Ministero degli affari interni, Arsen Avakov. Nel 2014-15, il battaglione Crimea ha preso parte a operazioni di combattimento nel Donbas e, come ha ammesso Isa Akayev, ha sognato di “passare in Crimea”.

Nel 2015, il Battaglione islamico della Crimea ha ceduto le armi ed é stato espulso a causa di orribili crimini contro i civili, compreso tagli di teste ripresi in video con musiche inneggianti alla Jihaad Islamica che avrebbero rischiato di attirare una indesiderata attenzione internazionale. In realtà questa fu una mossa di propaganda in quanto i terroristi islamici della Crimea non hanno mai lasciato il paese continuando a combattere ma senza segni distintivi del battaglione.

Il 28 febbraio il Battaglione Islamico della Crimea ricompare ufficialmente con l’appello sui social del comandante Isa Akayev rivolto a tutti i mussulmani della Russia incitandoli ad unirsi al battaglione in Ucraina per sconfiggere i russi e liberare la Crimea, che nella sua testa dovrebbe diventare uno stato islamico retto dalla Sharia e federato all’Ucraina. Visione politica non condivisa da Kiev, ma solo tollerata per momentanea convenienza. Akayev ha anche incitato i mussulmani russi a compiere atti terroristici in Russia. Secondo fonti indipendenti l’appello é stato rigettato dalla comunità mussulmana russa.

I terroristi islamici della Crimea hanno preso il controllo del villaggio di Motyshyn nella regione di Kiev dopo il ritiro delle truppe russe con compiti di difesa territoriale. Sono anche utilizzati sui fronti del Donbas contro i russi. Fonti indipendenti affermano che questi terroristi tagliano la testa a tutti i soldati russi e ceceni di fede mussulmana catturati considerati traditori e nemici del Islam. Il numero delle truppe del battaglione é sconosciuto.

I neonazisti russi

Tra i Foreign Fighters ci sono anche neonazisti russi che, agli occhi della propaganda del regime di Kiev sono una manna dal cielo. La loro presenza e le loro attività in suolo ucraino servono per rafforzare la fakenews che il governo russo starebbe affrontando una forte opposizione popolare interna. I neonazisti russi in Ucraina giocano lo stesso ruolo dei dissidenti russi rifugiati in Europa : quello di offrire all’opinione pubblica difficoltà interne alla Russia mentre, nel bene o nel male, la maggioranza dei russi appoggia la politica di Putin sia interna che esterna, sentendosi direttamente minacciati dai missili nucleari NATO puntati sulla capitale e sulle principali città russe. Ovviamente esiste una colossale differenza tra i nazisti e i dissidenti russi, quest’ultimi totalmente estranei ad atti di violenza, terrorismo e incitamento alla lotta armata contro il Cremlino.

Denis Kasputin alias Denis Niktin, detto il White Rex (il Re Bianco)

Uno dei principali leader dei neonazisti russi attivi in Ucraina é Denis Kasputin alias Denis Niktin, detto il Re Bianco che sta formando da marzo un proprio battaglione di mercenari nazisti provenienti dall’Europa con l’intenzione di combattere i russi collaborando con Azov e l’esercito ucraino ma con comando indipendente.

Kasputin é ricercato in Russia per diffusione dell’ideologia nazista, odio razziale contro gli ebrei, e sospettato di due omicidi e tre falliti attentati terroristici. L’Unione Europea ha vietato l’ingresso a Kapustin.

Ha stabilito contatti con attivisti di estrema destra in tutto il mondo, postando messaggi sul suo canale Telegram e chiedendo aiuto in cinque lingue. Il 5 marzo Kapustin ha pubblicato un piano per venire in Ucraina per combattere i “comitati” e i “neobolscevichi”. “Putin si oppone al nazionalismo. Se ti consideri un nazionalista bianco, la guerra in Ucraina è la tua unica possibilità. Non ci sono altri paesi al mondo in cui puoi prendere le armi e combattere per i tuoi valori e le tue idee spalla a spalla con i tuoi commilitoni. Ecco perché io, Denis Nikitin, scelgo la resistenza”, ha detto in un video del 1° aprile.

Secondo le recenti informazioni di intelligence russa la formazione della milizia del Re Bianco non avrebbe avuto particolare successo ma Kaputstin rappresenta una importante fonte di ispirazione della propaganda ucraina contro la Russia.

Sergei “Boatsman” Korotkikh

Ben più pericoloso e attivo é Sergei “Boatsman” Korotkikh, un ex cittadino russo ricercato in Russia per una serie di omicidi e catalogato come un serial killer psicopatico. Korotkikh ha ricevuto dai governi ucraino e americano quello di reclutare, formare e comandare la milizia nazista Boatsman Boys formata dai più fanatici e odiosi nazisti europei.

I Boatsman Boys hanno preso parte a battaglie nel sud della regione di Chernihiv. La milizia di Korotkikh é talmente sanguinaria che vari gruppi neonazisti europei (tra cui CasaPound) avrebbero rifiutato di far arruolare i loro miliziani sotto le insegne dei Boatsman Boys. Testimonianze di civili affermano che spesso si dedicano a stupri di massa di donne. Alle vittime (tutte giovani e di origine russa) viene tagliata la gola mentre sono stuprate.

Milizie naziste minori finanziate da NATO e Stati Uniti

Oltre al sostegno finanziario e militare ai gruppi nazisti ucraini più importanti NATO e Stati Uniti sono sospettati dalla intelligence russa di sostenere gruppi nazisti ucraini minori ma non per questo meno sanguinari. Tutte queste milizie sono caratterizzate da una violenza disumana e da un sadismo inimmaginabile al fine di potersi far notare rispetto alle milizie maggiori come Azov e Sentiero Destro nella speranza di ricevere più soldi, armi e munizioni da noi civili e democratici occidentali.

Blood and Honor (Sangue e Onore)

Il gruppo neonazista Blood and Honor ha affermato di avere una propria unità di combattimento nell’esercito ucraino che ha immediatamente smentito. Blood and Honor L’Ucraina è un gruppo molto piccolo e deve competere con organizzazioni neonaziste più grandi. E’ attivo nel sud del Donbas.

Avtonom NS – nasionalsocialisti ucraini autonomi

A fine marzo, la milizia Avtonom NS, nazionalsocialisti ucraini autonomi, ha annunciato il ritorno alla lotta armata contro la “feccia neobolscevica che aveva invaso le distese del nostro Stato”. Questa milizia fu attiva nel massacro di civili ad Odessa del 2014 e per poi scomparire.

“Il nostro obiettivo principale è ricreare le basi tradizionali del gruppo etnico europeo originario nello spirito del nazionalsocialismo. L’elemento fondamentale di questa educazione è l’illuminazione, la propaganda per lo sviluppo e l’auto-miglioramento, il culto della lotta per preservare la purezza della razza bianca, il suo futuro e il futuro dei suoi figli”, ha osservato il canale Telegram del gruppo.

Misanthropic Division (MD)

Il famoso gruppo neonazista Misanthropic Division (MD) è stato rianimato. Il suo canale per lo più inattivo su Telegram ha iniziato a pubblicare immagini con contenuti tipici di estrema destra dopo l’invasione russa nel febbraio 2022. Non è noto se abbiano un’unità separata e, in caso affermativo, quante sarebbero nell’unità, ma a giudicare da foto e video pubblicati, l’MD conta qualche decina di miliziani incorporati nei ranghi del battaglione Azov e del gruppo di estrema destra Avangard Kulturna Spilka. Il loro leader, il medico Nikita “Dobrynia” Yeliseev è stato ucciso dai russi a Mariupol

Vladimir Volcic

L’Ucraina vittima due volte. Tutti i nazisti al servizio di Zelensky (Vladimir Volcic) – FarodiRoma